Parolegagliarde Il blog senza peli sulla lingua

Matrigna mia

Marzo 23, 2011

Non hanno un ruolo e non hanno un posto. Non hanno neppure un nome che le definisca: quello che c’è suona dispregiativo in tutte le lingue e la loro rappresentazione nell’immaginario collettivo decisamente poco edificante.

Seconde mogli o compagne di uomini già padri, sono le cattive delle fiabe: le matrigne, donne egoiste, altere e perfide.

Leggi l’articolo impaginato, qui.

Pubblica il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *