Anatomia della mail

Testi egregi che bucano il video ed evitano il cestino

Egregio letteralmente significa “fuori dal gregge”. Ed è questo che vogliamo succeda alla mail che scriviamo: che si distinguano, che vengano scelte, aperte e lette. E capite, ovviamente! Se non sai mai chi devi mettere in CC e chi no, se inoltri mail finché raggiungono i 10 “piani di morbidezza”, se devi scrivere una mail in cui spieghi la nuova procedura di storno ordini e l’unica cosa che ti viene da mettere nell’oggetto è: URGENTE, questo corso è per te.

In pratica cosa imparo?

Attraverso molta teoria e molta, moltissima pratica, impari a scrivere in modo geografico: a curare l’oggetto, il testo, gli allegati. Lavoreremo sui testi pensando ai destinatari e rifletteremo quando e come inoltrare testi, o spedirli a più destinatari. Analizzeremo testi in uscita e risposte efficaci a messaggi in entrata.

I principali temi che trattiamo in aula, infatti, sono questi:

  • dalla carta all’email: cosa cambia?
  • scrivere mail in modo coerente con obiettivo, strumento e destinatario
  • scrivere in modo chiaro ed efficace
  • scrivere in modo geografico: i luoghi della mail
  • costruire relazioni attraverso la mail
  • il galateo della mail: precauzioni tecniche e precauzioni emotive
  • rispondere alle mail: aspetti di forma e aspetti di contenuto.

Cosa ti porti a casa?

Dopo il corso avrai imparato a scrivere mail convincenti, utili, efficaci, brevi. Avrai un metodo pratico e facile da seguire per evitare fraintendimenti e inutili perdite di tempo. Saprai confezionare testi adeguati al tuo destinatario e soprattutto saprai come identificare chi è il tuo destinatario, evitando inoltri e invia in CC del tutto inutili. Avrai fatto tantissimi esercizi per rispondere a lamentele, per scrivere istruzioni chiari e immediate, per motivare il tuo gruppo di lavoro.